Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.
26 ottobre venerdì
26 ottobre 2018, 18:00 - 26 ottobre 2018, 19:30

Conferenza – “Africa: la sfida dello sviluppo”

Africa at a turning point: da “continente perduto” sul fronte dello sviluppo torna ad essere “continente della speranza”? Come negli “anni ’60”, si ripropongono grandi attese e prospettive positive: contando sempre su straordinaria disponibilità di risorse naturali, popolazione giovane in significativa espansione, diffusa cooperazione internazionale. Si è peraltro consapevoli degli errori del passato: abbondanza di risorse spesso “costretta” ad impieghi a sovranità limitata; diffuse forme, ingiustificabili, di neocolonialismo politico ed economico; cooperazione internazionale rivelante gravissimi limiti. Fattori che mantengono l’Africa al gradino più basso dell’espansione economica e del progresso nei Diritti Umani.

Due esempi per tutti.

Quello del pesce Persico. Introdotto nel lago Victoria, negli “anni ’50”, quasi elimina le specie autoctone; è pescato, sostanzialmente per l’esportazione, da industrie cinesi ed indiane, con impiego di manodopera africana a costi assai bassi; la crescita attivata in sede locale si paga con squilibri nei sistemi sociali, economici e politici.

Noto d’altra parte l’accaparramento delle terre africane (Land grabbing for Africa). Inizia l’Arabia Saudita, interessata ad immensi appezzamenti in Etiopia, Zambia e Tanzania. Segue la Cina con attenzione a Repubblica Democratica del Congo, Zambia, Angola, Camerun, Uganda, Sudan, Zimbabwe, Malawi e Tanzania. Ma partecipano alla “corsa” anche Argentina, Brasile, Corea del Sud, Emirati Arabi, Qatar, Sud Africa. Alcuni degli stessi Paesi europei si collocano ai primi posti.

La volontà africana di non ripetere gli errori del passato è bene espressa nella Posizione Comune Africana ispirante la strategia per realizzare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile assunti per il 2030, fondandola su solidi pilastri: pace e sicurezza; sviluppo centrato sull’uomo e sulla sostenibilità ambientale; trasformazione economica strutturale per una crescita inclusiva; gestione appropriata delle risorse naturali e dei rischi delle catastrofi naturali; finanziamento proprio e partenariato per attivare i programmi di sviluppo.

Molto conta la crescita economica in atto, con incremento tendenziale del PIL africano nettamente più alto di quello mondiale (3,5% contro il 2,5%). Tuttavia, conta molto di più puntare sull’empowerment di genere e delle giovani generazioni; coerenti con l’esperienza storica che dimostra che la sola espansione sul piano economico, così come il solo progresso sul piano dei Diritti Umani costituiscono squilibri non sostenibili nel medio/lungo andare; se del caso, è il migliorare del secondo che fa premio sulla prima, piuttosto che il viceversa.

  • Quando: venerdì 26 ottobre 2018, ore 18:00
  • Relatori: Franco Bosello, economista, John Baptist Onama, relazioni internazionali
  • Organizzato da: Scuola Grande San Giovanni Evangelista
  • Dove: Sala dell’Albergo
  • Ingresso: libero fino ad esaurimento posti

 

Info e prenotazioni

Contattaci

Dettagli
Data: 26 ottobre
Ora: 18:00 - 19:30
Categorie EventoConferenze, In primo piano
Luogo
Address: Sestiere San Polo, 2454
Venezia, 30125 Italia